SPONSOR

NEWSLETTER

SPONSOR TECNICI

Magenta Florence

SOCIAL

"Quando si aprirà una nuova era
un corteo di giovani dirigerà una grande sinfonia
che riecheggerà da un capo all'altro dell'universo.
Amici, cantate, danzate e gioite insieme!"Daisaku Ikeda

"LE DIECI DIREZIONI"Certaldo 15-19 luglio 2015

Alcuni decisero di andare ad ovest, forse verso la California, altri ad est, ripercorrendo l’antica Via della seta, chi a sud e chi verso i venti freddi del nord, solo alcuni non partirono affatto e si costruirono una casa là dove erano, qualcuno doveva pur restare…

Mercantia ha sviluppato in questi 28 anni un proprio percorso teatrale, non ci siamo fermati a valorizzare solo il teatro di strada, a guardare in quell’unica direzione, ma abbiamo sperimentato nuovi percorsi, nuovi punti di vista.

Tra le righe di alcuni scritti orientali si parla di dieci direzioni, i punti cardinali che sono e restano quattro, ma dobbiamo considerare le altre quattro vie di mezzo - nord-est, nord-ovest, sud-est, sud-ovest -, e si chiude il cerchio con sopra e sotto, tutto questo si specchia in Mercantia.

Nelle fiabe viene utilizzato anche il concetto di vicino e lontano, Mercantia è una fiaba e per questo gli artisti vengono da molto lontano, dai quattro continenti per esibirsi e partecipare al festival, come vicino sono i gruppi che sono sbocciati nel cuore del borgo. Con il il termine vicino penso alle compagnie o artisti che circondano, che sfiorano il pubblico lungo via Boccaccio, lontano invece è lo spettacolo a Poggio Cavallo per cui è necessario prenotarsi e prendere il pulmino. Altri punti di vista ci portano alle lontane prime edizioni del festival e vicino a quella che stiamo organizzando ora, dove il passato fa da maestro al presente.

Sotto sopra, è un termine che a volte si dice per indicare ‘confusione’ oppure ‘momento rivoluzionario’, per Mercantia è un po’ di ‘anarchia organizzata’, ma in particolare ci riferiamo al sopra, all’altezza delle nostre torri o vecchi muri dove continuano ad apparire personaggi bizzarri, o dove poche persone sono in ascolto di un attore coinvolto in un colloquio con le stelle, per il sotto in ugual misura intendiamo i palcoscenici dei nostri giardini segreti che sono collocati nei sottosuoli di antichi palazzi. Sotto sopra, salire o scendere, in alto e in basso, modi di dire che raccontano di una festa nella parte bassa di Certaldo e di un festival nella parte alta del borgo medievale.

Il manifesto del Quarto teatro racconta delle dieci direzioni che abbiamo intrapreso, a Mercantia puoi incontrare tanti percorsi teatrali diversi che spaziano anche verso la danza, il cabaret e la sperimentazione teatrale, abbiamo ospitato tante espressioni artistiche contaminandole con il sapore del festival . A Mercantia non è importante quello che fai, ma come lo fai e noi cerchiamo di attualizzare i valori e i sapori, i colori dell’arte di strada, negandone però una facile etichetta.

Non c’è teatro a Mercantia, c’è vita, il teatro è solo una esplosione dell’energia vitale che scorre nell’arterie e nelle strade del Festival.

Mercantia è comunque il festival internazionale dell’arte di strada, è la mamma e la fonte di ispirazione di numerosi altri festival; in questi tempi difficili siamo riusciti a mantenere intatto tutto il nostro entusiasmo e a tenere alta la bandiera di un teatro che cammina portando gioia e speranza: siamo ancora un teatro necessario! O, come direbbe Ceronetti, un teatro di soccorso!

Un teatro artigianale e un artigianato teatrale per valorizzare i vecchi muri del borgo, le strade e i vicoli ospitano decine e decine di lavorazioni, installazioni costruite a misura per il festival. La materia si piega e si modella, terra, acqua, fuoco, aria sono ingredienti fondamentali e l’artigianato si mostra e si dimostra nelle dieci direzioni, linee dell’oggetto immaginate dall’artista che introduce a volte anche il concetto di dentro e fuori. L’artigianato è un fondamento di Mercantia fin dalla prima edizione del festival, può vivere anche da solo, ma da noi si confonde e si coniuga col teatro e con l’arte contemporanea, mostre che si susseguono nei nostri palazzi a partire da quello Pretorio.

In questa edizione del festival vorrei rinnovare la presenza di artisti e compagnie e dare un tocco di novità! Realizzare una festa magica, un edizione dove ci prenderemo cura di ogni particolare, perché insieme all’unico grande evento, possano essere valorizzate e protette le qualità artistiche di ogni gruppo. Continueremo a cambiare le geometrie tradizionali, a rompere il cerchio e spezzare la linea e la sua uniformità, lo spettatore è anch’egli un attore necessario immerso nelle dieci direzioni, la festa sarà ancora più onirica, basterà scegliere una delle tante strade proposte e aprire i propri sensi e lasciarsi guidare dal cuore pulsante della vita che scorre fuori e dentro di voi.

Sono benvenuti e previsti giocolieri, mimi, musicisti, street band, nuovo circo, teatro sperimentale, uomini-statua, danzatori, fachiri, trampolieri, burattinai, marionettisti, cabarettisti e migliaia di spettatori.

Draghi quasi-umani sputano lunghe lingue di fuoco, artisti erranti combattano la loro battaglia contro Signora Malinconia, la polvere pirica con un po’ di tecnica disegna arabeschi nell’aria. Passano uomini che con i loro strumenti s’ingegnano a mettere ali alla musica…

Ancora una volta lucidiamo le nostre clave e i monocicli e sputiamo il fuoco, noi portatori di pace, innocenti e graffianti fanciullini che giocano al teatro e riempiono le piazze, mentre altre cattedrali restano vuote, noi continuiamo a ballare e far sentire la nostra voce!

 idea poetica di Alessandro Gigli